“Terre Brune” il Carignano del Sulcis in tre atti.

Il Terre Brune Carignano del Sulcis etichetta simbolo di Santadi. Vino emblematico per la Sardegna per essere stato il primo vino ad essere affinato in Barrique. Frutto della ricerca di uno dei piu grandi enologi Italiani, Giacomo Tachis, il Terre Brune esce per la prima volta nel 1988 con l’annata 1984. Ottenuto con un’attenta selezione delle uve di antichi vigneti coltivati ad alberello ancora a piede franco. Il vino dopo una lenta fermentazione e macerazione delle vinacce, sosta per 16 mesi in barrique di rovere Francese, a cui segue un lungo affinamento in bottiglia.

In passato il Carignano era un vitigno poco valorizzato le cui uve erano spesso vendute per il taglio di altri vini. Negli anni 60 con l’unione dei produttori locali nasce la cantina di Santadi, che inizia a vendere il vino ottenuto come vino da tavola. Il vero salto qualitativo arriva negli anni 70, quando in seguito all’elezione di Antonello Pilloni alla presidenza di Santadi, arriva l’enologo Giacomo Tachis la cui grande esperienza ha decretato il successo di vini come Sassicaia e Tignanello in Toscana. Selezione in vigna, vendemmie manuali ed una vinificazione su modello dei SuperTuscan applicata anche al Carignano del Sulcis, faranno la differenza rivalutando il Carignano che solo in questa zona riesce ad esprimersi con tanta eleganza.

Tasting Notes

 

“Terre Brune”Carignano Del Sulcis – Superiore

UVAGGIO
Carignano 95%, Bovaleddu 5%.

 

1994 

Il colore rosso granato in evoluzione, la cui vivacità non è particolarmente luminosa. Al naso denota una terziarizzazione in cui il frutto nero è sfumato nelle note speziate e boisè,  tabacco liquirizia, erbe appassite. Al palato ancora saporito e sostenuto da freschezza e tannini docili, sapido, perde sulla persistenza che appare ridotta rispetto agli altri due vini.

1996

Rosso rubino con lievi riflesso granato, mostra archetti fitti e regolari. Grande intensita e complessità il bouquet olfattivo si apre con aromi secondari che solo a tratti divengono terziari sembrando molto più giovane dell’effettiva età. Mirto, mora, gelso, tocchi di grafite, forte l’intensità delle erbe aromatiche, le spezie sono soffuse con soffi di anice stellato, cardamomo. In bocca è avvolgente animato da tannini finissimi ben integrati e freschezza che ritorna con le note aromatiche. Chiude lunghissimo e pulito, vino di grande eleganza.

 

 2011
Rubino intenso, denso e fitto. Olfatto che ricorda vini di luoghi assolati caldi dove il frutto è nero e maturo con  prugne cui seguono note di mirto profumato,  spezie orientali dolci ed erbe mediterranee, alloro, ginepro, che trascinano una chiusura su note di tabacco e cioccolato amaro. Attacco al palato rotondo ricco e caldo la cui parte morbida lascia spazio a fresche note fruttate,  tannini ancora energici ma dalla fattura impeccabile.

Annunci