“Vajra” tra arte e Barolo

Inizia a nord ovest con la cima del Monte Monviso che nelle giornate limpide s’intravede facendo da sfondo come in un film della Paramount, il panorama che si affaccia sulla pregiata collina del “Bricco delle Viole “. La collina è  raggiungibile da una stradina sterrata ripidissima e scoscesa che porta al punto più alto nello spazio di pochi metri. Francesca Vajra, spiegandomi il territorio, è animata da un giusto slancio di orgoglio per queste terre. Il  susseguirsi di vigneti confinanti, si estende a perdita d’occhio, coprendo come uno spesso tessuto verde  tutto il territorio di Barolo, svelandone  pienamente la sua bellezza. Da qui proviene l’uva  selezionata  per il  più importante Cru del Barolo di Vajra, il “Bricco delle Viole”

Un microclima particolare  con grandi sbalzi termici e venti che soffiano da ovest verso est, mantengono la salubrità delle uve permettendone la perfetta maturazione. Uno stile produttivo che non prevede uso di sostanze chimiche in nessuna fase della lavorazione. Le raccolte vengono effettuate quando le uve raggiungono un perfetto stadio di maturazione. I sottosuoli sono variegati ed a seconda delle zone donano al Nebbiolo un carattere profondo e varietale. Francesca Vajra mi spiega la storia dell’azienda trasmettendo un entusiasmo consapevole e contagioso che parla di passione e impegno per quel lavoro. Lei e i suoi fratelli amano occuparsi di questa terra trascorrendo la vita  nei vigneti assorbendone gioie e sacrifici. Passione certamente acquisita dalla famiglia che ha saputo trasmettere i valori e l’attaccamento per la terra anche ai propri figli, insieme al rispetto della natura per ciò che può esprimere.

La storia di Aldo Vajra  nella produzione di vino inizia dagli anni 70 dove con il boom industriale le  campagne venivano abbandonate in favore delle città più ricche di opportunità. Grandi  industrie e la vita cittadina attrassero anche i genitori di Aldo i quali furono tra i primi ad abbandonare Barolo. Aldo nasce quindi a Torino ma ancora giovanissimo  sente  di dover seguire una strada diversa da quella che i genitori avrebbero voluto per lui. Attratto  dall’agricoltura e sentendo il richiamo per la sua terra di origine, inizia la Scuola Enologíca di Alba. Quando manifesta questa sua vocazione i genitori fanno di tutto per fargli cambiare idea facendogli passare le estati lontano dagli amici e coltivando i terreni di  famiglia. Caparbio e piu deciso che mai a diventare un bravo viticoltore Aldo diviene responsabile dell’azienda a soli 15 anni. Nel 1972 l’uva che era prodotta nella proprietà e venduta come conferitore era pagata pochissimo, quindi decide di vinificare la sua uva. Da sempre sostenitore di un tipo di agricoltura volta al rispetto del territorio e di chi lo abita, abbraccia i principi di uno stile produttivo naturale; sicuramente innovatore in questo suo modo di concepire sia la coltivazione sia la produzione in cantina. Il costante desiderio di migliorarsi ed alzare l’asticella qualitativa lo porta a sviluppare una cantina che permetta di avere da un lato efficenza e dall’altro l’arte. L’incontro con la moglie Milena lo completa supportandolo nelle scelte e condividendone le iniziali preoccupazioni e successi. La cantina costruita nel 1986 è dotata di spazi semplici e funzionali, a cui sono stati aggiunte parti negli anni successivi ed è ancora oggi in evoluzione. Nella cantina sono state inserite vetrate eseguite  dall’architetto Padre Costantino che lasciano filtrare raggi pieni di colore, uno scorcio di arte che  rinnova la magia per l’armonia  che anche le opere d’arte insieme alla natura ci riservano.

Tasting notes

La serie di assaggi inizia da un metodo classico.

NS Della Neve Rosa Spumante 48 mesi s.l.
50% Nebbiolo e 50% Pinot Nero. Rosè Metodo classico che affina per 4 anni in bottiglia. Colore rosa buccia di cipolla intenso. Il Pinot Nero si avverte con un ingresso intenso e fragrante, a cui si aggiunge la scia profumata del Nebbiolo, seguono aromi di fragole, lamponi selvatici e erbe fresche. In bocca entra con decisione secco e freschissimo con perlage rotondo e finale sapido.  

Langhe Bianco “Dragon” 2016 di Luigi Baudana & GDVajra.

Chardonnay, Sauvignon Blanc, Riesling e Nascetta. Proveniente da un piccolissimo appezzamento a Cerretta. Blend che profuma di pesca bianca, erba fresca, gelsomino, cui si sommano sensazioni pietrose; palato glicerico e fresco, dotato di una spessa parte sapida manteniene inalterato il sapore chiudendo pulito.


Langhe Riesling DOC “PÉTRACINE 2016 Vajra

Vigneti che poggiano su terreni sassosi,  Pètracine (radice sulla pietra). Un vezzo quello di Aldo Vajra che decide di piantare il Riesling renano nella parte delle Langhe meno vocata per il Nebbiolo. Bouquet  ben definito con note di idrocarburi fiori di gelsomino, mela croccante, fieno. Palato salino sprizzante di freschezza, dinamico rimane teso sulla persistenza; giovanissimo, solo 2000 le bottiglie prodotte.
GD Vajra JC Clarè  2016 

Affascinante vino dal colore rubino trasparente e scarico. Viene vinificato con una percentuale di raspo pari al 30%. Naso fresco con erbaceo in evidenza, foglia di tè e fiori selvatici. Sventagliante di freschezza i frutti rossi sono croccanti e giovanili. Leggermente mosso da un sottilissimo Pétillant e reso morbido da un lieve residuo zuccherino che ne dinamizza il palato. La vena fresca si evidenzia in un palato scorrevole e dotato di quella falsa semplicità che riesce a svuotare la bottiglia in un attimo.

Barbera D’Alba superiore J.C. Vajra 2014

Potenza e profondità data dei terreni di serralunga Bricco Bertone e profumi del Bricco delle Viole dati dai due “cru” da cui provengono le uve, Il 90% proviene da Bricco delle Viole dove l’età della vite è di 67 anni e il 10% proviene da Bric Bertone. Vino elegante dal colore profondo, caratterizzato dagli aromi floreali di viola, ciliegia  con soffuse note di muschio, pepe rosa, humus ed abete. Palato ben proporzionato tra morbidezza e freschezza intenso strutturato, bel finale nitido e persistente.

Barolo “Albe” Vajra 2013 

Nasce da una selezione dei migliori grappoli di tre vigneti del comune di Barolo differenti per altitudine ed esposizione Fossati, Coste di Vergne e La Volta. Esplosione floreale e foglie di tè verde. balsamico, frutto nero maturo. Palato fresco, tannini croccanti e scorrevoli, semplicità e bevibilità.

 Barolo “Bricco delle Viole” 2013 Vajra

Cru da singolo vigneto le cui viti si aggirano sui 45/65 anni di età poste nella parte più vocata, appunto la collina del  Bricco delle Viole.  La vigna è stata piantata nel 1949 la cui costanza produce grappoli di qualità estrema. Luminoso e trasparente il bagaglio olfattivo è ampio, dato da una nettissima viola in apertura cui fanno seguito frutti scuri, ciliegie, scorza di cedro accenni balsamici, foglia di thè macerato, tabacco. Sorso disteso che all’assaggio dimostra coerenza ed eleganza, pieno e rotondo è contornato da tannini di finissima fattura, persistenza lunghissima.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Anonimo Confidenziale

Cronistoria d'una vita anonima

randieri.com

Il blog di Cristian Randieri

The Wine Training

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

mangiareacasablog.com

Cucina con gusto e semplicità

Il vino racconta

Blog di Maura Firmani

SommelierXte

un Sommelier al tuo servizio

I libri del mercoledì

in radio e sul web

Percorsi di Vino

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

whiskyfacile

"tu bevi da morire, non pensi all'avvenire?"

Creando Idee

Idee e articoli per rendere meravigliosa la casa

tommasociuffoletti

sto mentendo.

EGGSANDBACON

by Stefidoc - Vino, cibo, viaggi

Uva e Pomodoro

I vini più buoni per una cucina tradizionale con un pizzico di creatività

ParloDiVino...Olio & Formaggio

Spunti & Appunti di Degustazione e Assaggi di Assunta Susanna Cotugno

Sendreacristina

Opere. (tell : 3403738117 )

Orliac Heritage

wine & refined

NASCETTA STORY

IL BIANCO DELLE LANGHE

Seidicente

altrimenti tutto è arte

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: