Il tempo del “Riesling”

Spesso le più grandi storie nascono per caso, ed è esattamente quello che è successo con uno dei vitigni più camaleontici e trasformisti, il Riesling Renano. Vitigno fortemente correlato alla territorialità, esprime  le proprie doti migliori in terreni con precise peculiarità difficilmente riscontrabili al di fuori delle zone di elezione.

Considerato un vitigno nobile, sono in molti a pensare che sia il miglior vitigno a bacca bianca del mondo. Uno dei pochi vini bianchi con doti di acidità così elevate da contrastare un  residuo zuccherino variabile da una tipologia all’altra, che in alcuni casi ne rende il gusto avvolgente e morbido, ed in altri dove la  dolcezza è ben più che percettibile rende l’assaggio un susseguirsi di sinergie ed equilibri mai uguali.

La sua storia è legata in particolare alla Germania, dove è coltivata da almeno quattro secoli, anche se sembra che le sue origini siano antecedenti addirittura di duemila anni. Del Riesling si inizia a parlare intorno al 1400, quando i  vigneti  inizialmente si trovavano lungo il corso del Reno. Coltivato da tempi remoti,  nelle zone della Mosella, del Palatinato, Rheingau, Nahe e Rheinhessen ed ancora oggi è il vitigno più importante della Germania.

Il successo che ha reso protagonista il Riesling Renano al punto di renderlo pregiato e conosciuto nel mondo è strettamente legata a quella dello Spätlese, che probabilmente con l’Eiswein è il predicato piú conosciuto nel mondo. Il Riesling ha un ciclo vegetativo  sostenuto da estati fresche che perdura in pratica un’intero anno, con le uve in pianta per buona parte di esso. La vendemmia inizia nei primi giorni di Novembre ma se il tempo è favorevole, può prolungarsi fino a Dicembre inoltrato. Una vendemmia così tardiva favorisce con adeguate condizioni climatiche lo sviluppo della muffa nobile. Disidratando l’acino essa ne concentra lo zucchero  aumentandone contemporaneamente la parte glicerica ed estrattiva. Questa raccolta così protratta nel tempo comporta un notevole dispendio di energie e manodopera  per  selezionare  gli acini migliori che dovranno essere usati per garantire quel giusto rapporto tra zuccheri ed acidità che formeranno il futuro Riesling .

A fine 1700 il castello di Johannesberg era  abitato da monaci che producevano vino sotto le dipendenze del Vescovato di Fulda. Soltanto lui aveva il  potere decisionale sull’inizio della vendemmia, che veniva dato solo dopo aver assaggiato l’uva matura. Nell’anno  1775 però un giovane incaricato di portare l’uva per l’assaggio, invece di impiegare come di consueto 8 giorni per il viaggio, ne impiegò (non si è mai saputo perché ) piú di una ventina; questo clamoroso ritardo produsse uno dei più grandi risultati della storia del vino.
Al suo ritorno il raccolto era stato attaccato dalla botrytis, e tutte quante le altre tenute avevano già vendemmiato. Sconsolatamente  i monaci di Schloosh Johannisberg tentarono il tutto per tutto vinificando ugualmente queste uve dall’aspetto allarmante e completamente ricoperte di muffa.

Il vino in questione fu assaggiato tra l’attonito stupore generale nell’anno 1775, proprio nel freddo ed umido sottosuolo di quella che era allora un’abbazia. Il  vino unico nel suo genere che mai si era sentito prima di allora, era lo SPÄTLESE. Questo mix di  tenacia, coraggio e caparbietà ha dato origine ad uno dei vini più affascinanti del mondo.

La concentrazione degli zuccheri divenne presto un medoto per classificarne la qualità. Il sedicesimo secolo fu l’apice per la Germania nella produzione qualitativamente alta  del vino. Questo produsse anche un altro aspetto il suo  invecchiamento. Il clima freddo ideale  per la conservazione senza uso si enormi sforzi, permise di apprezzarne le doti evolutive anche a lunghissimo termine, condizione ottimale per un vitigno che non tollera la fretta.

 

tasting notes

(Io è Monica C. abbiamo diviso in due parti la moltitudine delle selezioni di Francesco Falcone ,alternandoci )…. e questa è la seconda parte!  “ I numeri pari partendo dal II° fino alla fine …

Le etichette di svariati stili e fogge lasciano intuire questa diversità di contenuti, l’aspetto datato delle bottiglie cattura l’attenzione calamitando lo sguardo, la concentrazione è altissima . Iniziamo la degustazione con reverenziale rispetto per simili annate.

img_9583
Weingut Motzel  1958-  Nierstein Rehbach Natur Rheinhessen 

Non capita tutti i giorni di degustare un vino che abbia più di 50 anni. Prodotto ancora senza la classificazione Pradicat, nel bicchiere il colore è ben conservato, ambrato e trasparente. All’olfatto la terziarizzazione si avverte ma senza coprire i profumi di scorza di agrume che prevale. Intenso e iodato ricorda per alcuni tratti  il whisky; accenni fumè di ceralacca e caramella d’orzo. Al palato  equilibrato reso movimentato da una godibile freschezza, un pò carente nel centro bocca, la persistenza non è molta e presenta il conto del tempo, ma è caratterizzata  da un gradevole tocco  sapido e con rimandi all’orzo sulla fine.

 Weingut St. Antony 1993 – Nierstein Orbel Riesling  -Rheinessen

– Spatlese –

Nel colore l’ambra del precedente ha lasciato il posto all’oro. Il naso esordisce con tipicità data da idrocarburi e dolci note di caramella di mandorla; burroso e cremoso il palato rimane ben disteso dal nerbo acido, compatto e pieno allungandosi sulla persistenza.

Weingut Helmut Hexamer -2007-     Nahe

-Auslese –

Molto luminoso e tendente al dorato. Olfattivamente esprime richiami di medicinale a cui fanno capo nette note di agrume maturo. In bocca avvolgente con il residuo zuccherino che marca il gusto (130 gr\l ) buono il bilanciamento con l’acidità, raggiunge un buon equilibrio ma senza entusiasmare, finale sapido.

img_9587Verwaltung deer Staatsweiguter Eltville -1986-  Rauenthaler Baifen Riesling -Rheigau

-Kabinet –

Azienda gestita dallo Stato,  caratterizzata da un’inquietante etichetta con un’aquila stilizzata che ricorda tempi oscuri, fortunatamente scalzata da una vivida brillantezza del contenuto che scalza brutti presagi con i suoi intensi riflessi dorati riabilitando il quadro elargito dalla prima impressione. Al naso  note di idrocarburo e sensazioni fumè cedono presto il passo a  dolci  richiami di fichi disidratati, mele cotogne cotte, cioccolato bianco, agrume. In bocca il bilanciamento tra  la parte acida e la morbidezza riesce a regalare un sorso scorrevole che permane a lungo, corposo e sapido finisce lasciando il palato pulito.

Dr. Heinrich Nägler-Rüdersheimer Berg Roseneck Riesling -1985-Rheigau

-Spätlese-

Sontuoso, questo il termine che più si addice a questo Spätlese. Netta la consistenza che rallenta la roteazione ed un olfatto che si amplifica di note cremose, anche in questo vino l’idrocarburo è presente ma diluto dalle note di albicocca disidratata, agrumi canditi e pasta frolla, un dolce appena sfornato e ancora caldo e fumante. Palato morbido e dolce con i suoi 60gr\l; glicerico e pieno, rinfrescato da un tratto balsamico, il sorso è ben sorretto dalla  freschezza che ben compensa un equilibrio ancora in divenire, accompagnato da  lunghissima persistenza.

Weingut Karl Kremer -Winkeler Hasensprung Riesling Spätlese- 1976-  Rheigau

-Spätlese-

L’oro puro del colore viaggia in parallelo con un ventaglio olfattivo ancora ben conservato da note fresche mentolate e arricchito da richiami tropicali, pesca, melone bianco, albicocca, bergamotto, lime, la parte dolce si denota da un fondo di caramella d’orzo. Palato che si proietta ancora in avanti con pronunciata freschezza in sinergica con una morbidezza piena e vellutata data dalla botrytis.

Weingut Jakob Trenz 1989 Johannisberg Hölle Riesling Rheingau

-Auslese- 

Grande Luminosità con una trasparenza che accende il bicchiere di oro liquido. L’olfatto è caratterizzato da legami  floreali che richiamano fiori alpini e camomilla con erba medicinale, note succose di albicocca e pesca sciroppata,  zafferano. Palato turgido integro, con acidità e morbidezza che giocano un ruolo fondamentale di seducente beva che appaga e richiama il sorso ancora teso e  slanciato. Lunghissima la persistenza.
Immortale forse no.. ma si avvicina !


Johannistum Shauinsland- Chr Shneider -Wormser Nonnenwinget Rieling -1996

Trockenbeerenauslese

-Oro antico e ambra,  denso e concentrato. Terra cielo mare tutto concentrato nel primo impatto  olfattivo che spazia da un’iniziale profondo e terroso, ad un medicinale etereo in cui lo iodio segue rapidamente in un funambolesco insieme, ceralacca, e come scartando un dolce ecco i profumi di uvetta, albicocca, miele, caffè, liquirizia, caramella d’orzo. In bocca l’acidità sostiene il manto glicerico e dolce, per un viaggio tridimensionale del gusto, in cui ritornano le sensazioni una ad una con grande coerenza, lasciando in bocca un soffio fumè di sigaro dolce. Estremo eppure lieve, in ogni sua componente raggruppa tutte le doti più espressive del vitigno.

img_9586

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...