Vini dell Alto Adige.Storia di una rivoluzione

Diary of Wine and Rum

pn 2_n

Innovazione e’ un concetto prima di tutto individuale. Sperimentare richiede coraggio e maturita’ . Quando la rivoluzione culturale arriva sotto forma di grandi vini,non importa come ha fatto,ma cio che ha fatto.Il concetto di biodinamica nel 95 era praticamente impronunciato quando Alois Lageder lo ha desiderato, progettato,realizzato , divenendo per molti un punto di partenza su cui mettersi alla prova.

Fascino e sole, terroir , personalità. Esperimenti e tecnologia.
Raccolgo i ricordi alla fine dell’esperienza, che ora, da sola e da lontano, forse riesco a concepire meglio…
Parto dalla fine,dalla degustazione, perché non ho parole più adatte di quelle che mi hanno raccontato i vini.

LEHEN Sauvignon Blanc 2013

Colore giallo con riflessi verdolini. Profumo marcato ma non eccessivo,che parte piano. Chiede tempo. Si apre sulle note varietali tipiche,di frutta. Prosegue erbaceo e speziato. In bocca ad un primo assaggio si conferma l’erbaceo accompagnato ds una acidità sferzante che richiama…

View original post 823 altre parole

Annunci

One thought on “Vini dell Alto Adige.Storia di una rivoluzione

  1. Pingback: Vini dell Alto Adige.Storia di una rivoluzione | MAXIMUSOPTIMUSDOMINUS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...