Cinque rossi a confronto: avranno ragione le guide?

Into the Wine

Quando organizzi una cena a casa e sai che tra i tuoi ospiti hai tre sommelier e altrettanti invitati che hanno (giustamente) una serie di aspettative, non puoi esimerti dallo scegliere bottiglie all’altezza della situazione. Tema della serata: Toscana. In particolare: Montalcino. E poi si trova sempre posto a un piemontese, no? D’altronde non ci piace fare scortesie a nessuno! Ed ecco allora che ci ritroviamo ad accompagnare salame di cinghiale, Montasio stagionato, filetto di Fassona alla piastra con (in ordine di apparizione): Rosso di Montalcino 2006 Capanna, Brunello di Montalcino Schiena d’Asino 2006 Mastrojanni, Brunello di Montalcino 2001 La Fortuna, Brunello di Montalcino 1997 Capanna e Barolo Ciabot Mentin Ginestra 1996 Domenico Clerico. Che dire su questi vini…se non che: Mastrojanni sfodera 94 punti di Wine Spectator, i 5 Grappoli, le Super 3 Stelle Guida d’Oro i Vini di Veronelli e il “vessillo” del Touring Club tra i…

View original post 546 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...